16 giugno 2019 09.00-12.30 14.00-18-00
+39 0382 57 41 48 +39 0382 46 16 61
Studio Ribecca

Le scadenze del modello 730 2013

La nuova stagione fiscale è alle porte. In questo articolo riepiloghiamo tutte le scadenze ed i termini per il 2013, a seconda che l’assistenza sia fornita dal sostituto d’imposta o da un CAF o un professionista abilitato.
In caso di assistenza fiscale prestata dal CAF o dal professionista abilitato, si inizia con la data del 31 maggio quando il contribuente presenta al Caf o al professionista abilitato (che rilascia ricevuta) la dichiarazione e la busta contenente il Mod. 730-1 per la scelta dell’otto e del cinque per mille.
Entro il 15 giugno (scadenza che slitta al 17 giugno in quanto il 15 cade di sabato) il Caf o il professionista abilitato, verifica la conformità dei dati esposti nella dichiarazione, effettua il calcolo delle imposte e consegna al contribuente la copia della dichiarazione Mod. 730/2013 ed il relativo prospetto di liquidazione Mod. 730-3.
Entro il 30 giugno (slitta automaticamente al 1 luglio poiché la scadenza cade di domenica) il Caf o il professionista trasmette telematicamente i dati delle dichiarazioni elaborate, dei relativi prospetti di liquidazione e della destinazione dell’8 e del 5 per mille.
A partire dal mese di luglio il contribuente riceve la retribuzione (o pensione) con i rimborsi o con le trattenute per le somme dovute al fisco. Se la retribuzione è insufficiente per il pagamento delle imposte, la parte residua verrà trattenuta dalle retribuzioni dei mesi successivi.
Entro il 30 settembre il contribuente comunica al sostituto di non voler effettuare il secondo o unico acconto Irpef o di volerlo effettuare in misura inferiore rispetto a quello indicato nel Mod. 730-3.
Entro il 25 ottobre il contribuente può presentare al Caf o al professionista abilitato la dichiarazione Modello 730 integrativo.
Entro il 10 novembre (scadenza che slitta all’11 novembre dato che il 10 cade di domenica) il Caf o il professionista abilitato verifica la conformità dei dati esposti nella dichiarazione integrativa, effettua il calcolo delle imposte e consegna al contribuente la copia della dichiarazione Mod. 730 integrativo ed il relativo prospetto di liquidazione.
Nel mese di novembre il contribuente riceve la retribuzione (o la pensione) con le trattenute delle somme dovute a titolo di acconto Irpef. Se la retribuzione è insufficiente per il pagamento delle imposte, la parte residua viene maggiorata degli interessi mensili e trattenuta dalla retribuzione del mese di dicembre.
Informazioni sull'autore
Consulente del Lavoro

Lascia un commento